Per il Comune non tutti i commercianti sono uguali

In un periodo in cui la Lombardia viene, ingiustamente, inclusa tra le zone rosse d’Italia, alcune attività commerciali, pensiamo soprattutto a quelle legate alla ristorazione, si apprestano a subire una crisi senza precedenti e un futuro quantomai incerto e drammatico.
Il quadro è ulteriormente aggravato dai mancati ristori alle suddette attività, promessi da oltre 10 giorni da un governo che proprio non riesce a mantenere neanche una parola data.

Direte: potrebbe andare peggio? La risposta è sì.

Perché a Legnano succede che, tramite i canali istituzionali (pagina Facebook “Città di Legnano – Palazzo Malinverni” e newsletter ufficiale), si sponsorizzino esclusivamente delle attività “amiche” della maggioranza, anziché creare un apposito collettore di informazioni (ad esempio un opuscolo) comprendente tutte le attività di ristorazione della città che si sono reinventate per resistere al COVID-19.

Riprendendo il suo motto elettorale, chiediamo, quindi, al Sindaco Lorenzo Radice il coraggio di… rimuovere questa pubblicità a titolo gratuito dai canali istituzionali del Comune di Legnano del “Centro Sociale Pertini”, per aiutare equamente tutte le attività presenti sul territorio.

Come Lega Giovani – Legnano ci rendiamo disponibili a raccogliere tutte le informazioni necessarie dai tanti commercianti della nostra città; ma chiediamo al Sindaco un’azione celere, altrimenti saremo costretti a portare la voce dei delusi in Consiglio Comunale.

256 Letture
Seguici e condividi su:
error: Il contenuto è protetto !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi